Sognare comunità inclusive

Quinto seminario promosso dal MOVI Campania, dal titolo
Sognare comunità inclusive: perché accogliere? Chi? Come? Con chi?‘.
Iscriviti al più presto e metti in agenda, adesso!
Socializza l’incontro anche ai tuoi contatti.
L’incontro si terrà Giovedì 22 aprile 2021, dalle ore 18.00 alle ore 20.30.

Per iscriversi al quinto incontro, 

CLICCA QUI

Se sei già registrato,  riceverai sulla tua posta elettronica il link che ti permetterà di partecipare;

se non sei ancora registrato, puoi registrarti inserendo i tuoi dati e ricevere in posta elettronica il link che ti permetterà di partecipare.

Se hai zoom già scaricato sul pc o sullo smartphone, il link ricevuto ti consente direttamente l’accesso ALL’INCONTRO. Se utilizzi ZOOM per la prima volta, ti verrà automaticamente proposto l’istallazione della applicazione necessaria al collegamento nella versione corretta per il tuo sistema. Dovrai solo autorizzare l’istallazione, quando richiesto.

 

#laculturanonsiferma

  1. In questa giornata tematica riproponiamo un contributo formativo che Raffaele Alfano, Presidente del CTG NOUKRÌA,
ha fornito nel 2020 sul tema “Raffaello Sanzio e i 500 anni dalla morte”.  In tale occasione molte sono state le iniziative volte a celebrare l’arte del grande artista rinascimentale per il Cinquecentenario della morte.
Raffaello e NoceraRaffaello e Nocera una storia di un legame tra due entità che non si sono mai conosciute direttamente, ma che indirettamente si sono intrecciate per secoli. Con tutta probabilità Nocera conosce Raffaello dopo il sacco di Roma (1527) quando il capitano dei lanzichenecchi Giambattista Castaldo porta presso il santuario di santa Maria dei Miracoli una serie di opere d’arte trafugate a Roma di cui oggi resta la pala d’altare di san Bartolomeo di Marco Pino. L’opera del Sanzio,  La Madonna del Duca D’Alba, avrà attirato una moltitudine di artisti nell’osservare cotanta perfezione, ma già prima dell’arrivo in città dell’originale dell’urbinate, un altro grande artista portava a Nocera i canoni propri della pittura di Raffaello, si tratta di Andrea da Salerno il quale dimostra un legame fortissimo con la nostra città e lascia una delle opere più importanti del suo percorso artistico nel Convento di S. Antonio. Si tratta del trittico “Sposalizio mistico di santa Caterina” dove Andrea mostra tutta la sua cultura figurativa partendo dal Perugino,  e mostra di essere il primo nel meridione ad aderire alla classicità di Raffaello.
Siamo nel 1519, un anno prima della morte del principe delle arti.
Ma la potenza di Raffaello non si esaurisce e si perpetua da allievo a maestro fino a giungere ad Angelo Solimena che, nonostante slanci di innovazione, per certi versi resta ancorato saldamente alla classicità, ricordando anch’egli il grande maestro.
        #artyouready, #restiamoacasa